Shopping cart

close

Novità3

Come imbottigliare la birra fatta in casa: la tappatura

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

COME IMBOTTIGLIARE LA BIRRA FATTA IN CASA, LA TAPPATURA.

Tappo con bidule oppure senza? Breve guida alla tappatura della birra fatta in casa

La tappatura della birra fatta in casa è croce e delizia di qualsiasi appassionato di questo mondo che desidera ottenere un risultato professionale con il proprio prodotto casalingo ed artigianale.

Ad oggi, la birra fai da te è un hobby molto apprezzato e diffuso tra tutti gli amanti della bevanda e sono molti i negozi online che vendono i materiali di produzione dedicati agli appassionati. Con gli ingredienti venduti in kit di fermentazione è possibile ottenere un ottimo risultato già la prima volta che ci si cimenta, ma il problema sorge in fase di imbottigliamento, o meglio, di tappatura.

È di fondamentale importanza ricordarsi di lavare bene e sterilizzare sia le bottiglie che i tappi utilizzati per conservare la birra. In questo modo si eviteranno una serie di problematiche di contaminazione che potrebbero compromettere il gusto e la qualità del prodotto.
Effettuate le opportune specifiche di sorta, arriviamo ora all’annoso problema: ovvero come effettuare (bene) la tappatura della birra fatta in casa.

Sughero o tappo a corona: le differenze principali

In linea di massima, per tappare la birra fatta in casa vengono utilizzate tre tipologie di chiusure: il tappo in sughero, il tappo bidule vino e / o birra a corona ed il tappo a corona classico.

Il tradizionale tappo in sughero è esteticamente molto bello da vedere ed è strumento comunicativo di artigianalità e tradizione, ma porta con sé diversi problemi. Poiché questo materiale deriva dalla cosiddetta quercia da sughero, è possibile che vi si formi un particolare fungo, nemmeno troppo raro, che darà al prodotto finale il cosiddetto “sapore di tappo”, molto frequente soprattutto tra i vini.

Il tappo a corona con o senza bidule, invece, permette di ovviare a questa problematica, poiché composto in materiale metallico. Questa grande differenza permette quindi di affermare che i tappi a corona sono sicuramente la scelta migliore quando si produce ed imbottiglia birra fatta in casa, a meno che non si tratti di prodotti che giovano dell’invecchiamento.

Tappo a corona con bidule

Inoltre, è da segnalare che i tappi a corona hanno una maggior resistenza in termini di chiusura e preservano meglio il contenuto all’interno della bottiglia.

I tappi a corona non sono tutti uguali

Se hai prodotto la tua birra fai da te e ti stai informando per acquistare i tappi più adatti, diffida da coloro che ti dicono che i tappi a corona sono tutti uguali.

Quelli classici dispongono di un rivestimento interno in materiale sintetico, molto utile per evitare il contatto con l’alluminio, ma esistono poi i tappi con bidule: più facili da maneggiare per coloro che sono alle prime armi con il processo di tappatura.

I tappi a corona con bidule possiedono una plastica bombata all’interno che aumenta la chiusura della bottiglia e salvaguarda la pressione interna meglio dei normali tappi. Certo, costano qualche centesimo in più ma sono la scelta migliore per tutti coloro che producono birra fatta in casa.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli dal nostro Blog